porta vaso pensile in macramé

Incuriosita dal racconto di una cliente del negozio, un pomeriggio privo di impegni ho pensato di provare a realizzare un porta vaso pensile in macramè: la tecnica di un merletto creato a mano, senza l’ausilio di strumenti, che grazie a particolari nodi ed intrecci di fili di un’antica tecnica marinara permette di realizzare molte cose: tende, gioielli, tovaglie, etc…
Per iniziare ho acquistato una fettuccia di EKOTONE presso il negozio BRICOlino di Vicenza che ne ha di molti colori e due tipologie principali: una composta da un cordoncino 100% cotone riciclato sia internamente che esternamente e l’altra che presenta un filo attorcigliato su se
stesso (TWIST) e per questo pettinabile.
Ho scelto il Twist in tinta panna, un colore neutro adatto a qualsiasi arredamento, ed essendo alle prime armi mi sono affidata ai molti tutorial che si trovano facilmente in rete; prima ho  studiato alcuni tutorial dove si spiegano i nodi principali del macramè e si prende dimestichezza con la tecnica e poi ho scelto una realizzazione che mi piacesse e al tempo stesso non fosse
troppo complicata.
Ho seguito i vari passaggi dei video, con calma e rivedendo più volte i passaggi più complessi e  dopo poco meno di due ore il porta vaso era finito! E’ stato molto soddisfacente realizzare il  tutto con le mie mani, non è stato difficile e anche decisamente economico: solo 10€ di filo di cui ho utilizzato meno di un quarto e un bastone trovato nel parco di fronte casa durante una
passeggiata.
Ho già visto altri tutorial interessanti ed ho già vogliosa di sperimentare, per arredare il mio appartamento o per regalare a qualche persona speciale un lavoro unico e fatto a mano. Il mio consiglio? Provate anche voi a creare il vostro porta vaso pensile in macramè!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *